Inacheve web A 13

Costruiremo mondi sul niente, e poi li abiteremo.

«Un jour, on construira des villes pour dériver.» Guy Debord – Théorie de la dérive – 1956 La sconfitta. La deriva. La sconfitta è il portiere di una palestra che non esiste, da tempo scandito e candito dalle sue abitudini, il guardiano del niente, la luce verde dell’abitudine, alieno di sostanza. La deriva sono i totem di gasolio, disserviti dal loro servizio, impossibilitati a guardarsi … Leggi tutto Costruiremo mondi sul niente, e poi li abiteremo.

FullSizeRender (8)

L’estate sta finendo – #casadiringhieraselection 3th

Uno dei ritornelli più scontati di questi giorni è proprio quello che cantavano i Righeira nel 1985. Prendiamo in prestito questa citazione, ormai divenuta manifesto di una certa visione trash delle cose, per dare una nome alla selezione di oggi. Attraverso questi scatti vogliamo mostravi l’ultimo stadio di una delle stagioni più attese e più odiate dell’anno.  Vi ricordiamo che potete proporre i vostri scatti … Leggi tutto L’estate sta finendo – #casadiringhieraselection 3th

mistressamerica3-xlarge

Mistress America: restare in piedi nonostante le sconfitte

Da quando è cominciata questa storia del binge-watching non guardo più film. È proprio il formato delle serie TV ad aver scavalcato il cinema. Prima di questa ossessione per le serie, di sera preferivo scegliere un film, uno qualsiasi. Mi capitavano sottomano i capolavori di Woody Allen, o l’ultimo film di Soderbergh, oppure un titolo qualunque del cinema indipendente francese. Non mi ponevo dei limiti perché di … Leggi tutto Mistress America: restare in piedi nonostante le sconfitte

Battersea, South London - 2014

Riuscire di scena

Persone. Attese. Panchine. Orizzonti di plexiglass e cielo. Il lavoro di Niall McDiarmid è una puntata di luce e attesa, di corpi di schiena, di sguardi che guardano chiaramente un altrove tolto di ogni anfratto fisico legato a rapporti di causa-effetto. Sono i personaggi di William H. Gass, di Carver, di Yates, i ragazzi delle consegne, i vecchi che resistono, le cassiere, le donne in … Leggi tutto Riuscire di scena

1384128280

Senza tempo

Sono quasi le sette del mattino e la serranda del caffè viene tirata su lentamente. Nino non ha mai avuto fretta, né in mattinata, né durante tutta la sua vita. Saluta qualche conoscente che si dirige al lavoro, fa il solito cenno con la testa che gli dà un’aria spensierata ed entra nel suo bar ancora vuoto, col pavimento un po’ da spazzare e pieno … Leggi tutto Senza tempo

White_Twins_-_Truth_Or_Consequences_Ronan_Guillou

Prigionieri senza ticket per il paradiso: Ronan Guillou.

  Il pensiero immobile, il corpo in movimento. Il corpo immobile, il pensiero in movimento. La fotografia di Ronan Guillou, sedimenta corpi ancorati a terra, che si orientano con le stelle, che non hanno passato indenni la loro Revolutionary Road. Sembrerebbe che il cielo sia davvero dei violenti, che la fuga sia la tensione pronta a esplodere, che la speranza diventi asfissiante, come un canto … Leggi tutto Prigionieri senza ticket per il paradiso: Ronan Guillou.

1-img_0260-001-768x1024

God save the Punk

È una mattina di fine luglio. Sembra presto ancora e già Milano brucia. Salendo a spirale i gradini di 10corsocomo si avvertono delle voci in lontananza. Religioso silenzio tutt’intorno e, nell’aria, quell’unica voce rauca e sgraziata urla I AM AN AN—T-I-CHRIST I AM AN AN-ArCHIST! È il 1976 quando esce Anarchy in UK, il primo singolo dei Sex Pistols, imprescindibile atto di nascita di quel … Leggi tutto God save the Punk

Stava tornando 2

Stava tornando

Gate numero 25. Stava tornando. Nel terminal le voci si coprivano l’una con l’altra. Entusiasmo e noia e rabbia si alternavano davanti al gate numero 25 ma nelle sue orecchie il tutto era solo un ronzio lontano, un sibilo insistente ma secondario che non riusciva a distrarla dai suoi pensieri tutti presi dal fatto che sì, effettivamente, stava tornando. Il fatto è che non l’aveva realmente deciso: è stata … Leggi tutto Stava tornando

weegee-photographs-1

La giungla d’asfalto di Arthur Fellig

Bianco e Nero. Nero come la cronaca e bianco come il lenzuolo che la ricopre. La città è uno sconfinato ring di cemento senza corde, sopra il quale resistere fino all’alba. I meno allenati gettano la spugna già a notte fonda: annegati negli alcolici, accoltellati da prostitute, crivellati dai colpi oppure appesi per il collo a lampioni, scalzi e cianotici. Il fascino e la violenza, … Leggi tutto La giungla d’asfalto di Arthur Fellig

billions_112_2822-r

Billions e la distruzione dell’uomo

Abbiamo capito molte cose dal crollo finanziario degli ultimi anni. Abbiamo capito che il denaro, in fin dei conti, non dorme mai sul serio. Quello che annunciavano romanzi e film si è poi avverato. Le bolle sono scoppiate, rendendo poveri i piccoli risparmiatori e ricchi i grandi investitori. Negli uffici dei grattaceli di New York si decidono le sorti di Wall Street – a dire … Leggi tutto Billions e la distruzione dell’uomo